“Tariffa del freelance”, il paradosso dei prezzi: come fissare il compenso giusto

Come si fa calcolare in maniera corretta la propria tariffa professionale? Quali parametri è necessario prendere in considerazione per farsi pagare correttamente? Sono domande che si pongono un po’ tutti i freelance che hanno la necessità di migliorare economicamente la propria attività. Di renderla, in altre parole, più redditizia.

Stabilire nella maniera corretta una tariffa professionale non è mai semplice, soprattutto se si è all’inizio dell’attività e si ha la necessità di farsi conoscere.

Sicuramente uno dei dubbi di molti freelance è legato proprio a quanto ci si sta facendo pagare: è troppo o è troppo poco? Si sta creando una redditività idonea ed opportuna rispetto ai propri obiettivi? Sfatiamo, comunque, ogni dubbio: non esiste una regola o una formula che possa valere per tutti. Può capitare, infatti, di proporre una tariffa conveniente, arrivando a sminuire il proprio lavoro. Altre volte, invece, il prezzo è troppo elevato ed i clienti non arrivano. Cerchiamo di capire quali debbano essere le variabili da prendere in considerazione per commettere meno errori possibili.

Tariffa del freelance: il paradosso dei prezzi

Sicuramente una delle maggiori insicurezze dei freelance è collegata alla giusta individuazione della propria tariffa professionale. Soprattutto quando si è all’inizio di un’attività e, giustamente, si ha intenzione di entrare nel mercato, si tende ad essere molto insicuri. Questo è un motivo per il quale la tariffa che si propone può essere molto al di sotto della media.

Praticare delle tariffe al di sotto della media di settore è una pratica molto diffusa. Quando hanno poca esperienza, i freelance giocano al ribasso per farsi conoscere e iniziare a crearsi un portafoglio clienti. In un primo momento la strategia funziona ed i primi clienti iniziano ad arrivare. Per un certo periodo le cose vanno bene ed il professionista inizia a farsi conoscere.

Questa è una situazione che va bene fino al momento in cui il freelance si accorge che non ha più tempo da dedicare a tutti i clienti. Iniziano ad aumentare le ore dedicate al lavoro e a restringersi quelle dedicate alla vita privata. Il rischio è che il professionista inizi a commettere degli errori, perché è stanco e stressato.

Come stabilire il proprio prezzo

Ma a questo punto come si fa a stabilire la tariffa corretta in base all’attività che si sta svolgendo? Riuscire a stabilire il prezzo corretto per il proprio lavoro è importante, perché determina il successo od il fallimento della propria attività. Ma soprattutto aiuta a costruire un perfetto equilibrio tra la vita lavorativa e quella professionale.

Il primo passo per riuscire a stabilire una tariffa corretta è l’autovalutazione. È necessario fare una sana autovalutazione della propria esperienza e delle proprie competenze. Ma soprattutto serve a comprendere quale valore si porta sul mercato. Per determinare la corretta tariffa è necessario quindi:

riconoscere il proprio valore. Comprendere quale sia l’unicità della propria offerta e identificare i tratti distintivi del proprio lavoro. A questo punto sarà necessario comprendere quale impatto possa avere tutto questo sul cliente finale;
esperienze e specializzazioni. Sicuramente i professionisti che offrono dei servizi altamente specializzati hanno un valore superiore;
la formazione e la crescita professionale. Un professionista non smette mai di imparare e crescere. Diventa quindi importante aggiornarsi continuamente;
i rischi e le responsabilità. Questi parametri sono diversi e sono condizionati dall’attività che si sta svolgendo;
il valore percepito e la psicologia dei prezzi. È necessario comprendere come percepiscono i prezzi i clienti e quanto sono realmente disposti a spendere;
concorrenza e differenziazione. È importante analizzare la concorrenza e capire in quale modo ci si differenzi dagli altri professionisti.

Tariffa professionale

A questo punto, però, è bene anche tenere a mente che dietro ad una qualsiasi attività professionale ci sono anche dei costi. Che è necessario sostenere per poter lavorare. Comprendere quali siano aiuta ad evitare delle potenziali perdite finanziarie, ma anche a costruire la struttura finanziaria sulla quale si basa l’attività. Vediamo a cosa è necessario stare attenti:

costi fissi e variabili. È necessario valutare quali sono i costi fissi che si devono sostenere e quelli variabili. Devono essere tenuti in considerazione: affitto, utenze, software e tutti gli altri costi operativi;
costi indiretti. È importante che la tariffa rifletta anche i costi indiretti dell’attività, come quelli amministrativi;
ore lavorate. È sempre bene valutare quante ore si possono fatturare nel corso della giornata, della settimana e del mese, andando a considerare le ferie, le malattie e le ore dedicate alla formazione professionale;
pianificazione finanziaria. È necessario riuscire a predisporre un piano finanziario robusto, che sia in grado di prendere in considerazione l’eventuale stagionalità della domanda e laddove sia possibile anche eventuali crisi.

Le continua analisi

Le tariffe professionali devono essere adattate continuamente e aggiornate nel corso del tempo. È sempre importante monitorare le proprie entrate, verificare il profitto e la sostenibilità finanziaria della propria attività. Ma non solo: è necessario comprendere come siano percepite dai clienti e dal mercato i propri prezzi.

Per fare questo può essere molto utile raccogliere dei feedback, condurre dei sondaggi e leggere le discussioni e le recensioni che potrebbero emergere dai vari forum o dalle tante piattaforme online.

Riuscire ad adattarsi velocemente è necessario, ma soprattutto è un’arte che serve a bilanciare i cambiamenti. Un professionista che vuole essere coerente deve anche essere in grado di percepire i cambiamenti del mercato e di adattarsi velocemente.

Il margine di trattativa

Nel momento in cui si effettuano delle operazioni business to business è sempre necessario prendere in considerazione un margine di negoziazione con il cliente. Entrambi hanno intenzione di fare un ottimo affare: il professionista vuole prendere l’incarico ad un prezzo accettabile, il cliente vuole risolvere il problema ad costo possibilmente contenuto.

Quando si apre una trattativa è necessario pensare che ci deve essere sempre un terreno nel quale le parti si possono andare incontro.

In sintesi

In estrema sintesi, come si fa a fare una tariffa corretta? Per prepararla il freelance deve necessariamente prendere in considerazione tutti i costi che deve sostenere per la propria attività. Deve considerare quante ore riesce a lavorare nel corso della settimana (o se ha una visione più ampia dell’anno) e calibrare la propria tariffa di conseguenza.

Nel prezzo da applicare ai propri clienti non bisogna dimenticare di includere il valore della propria formazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×