Nel 2024 aumenta il riscatto della laurea: oltre 6mila euro per ogni anno

Da quest’anno, per i giovani precari e i lavoratori a pochi anni dall’uscita dal lavoro, andare in pensione costerà di più. Uno strumento prezioso per l’anticipo previdenziale come il riscatto della laurea richiederà quasi 6.100 euro per ogni anno saldato in modo da fare contare il proprio percorso di studi come periodo di contributi. Un rincaro di circa 400 euro per ogni anno esito dalla rivalutazione all’inflazione, basata sulla crescita del livello medio dei prezzi dello scorso anno fissata dall’Istat al 5,7%, che adegua al carovita anche l’aumento degli importi del riscatto cosiddetto “light”.

Come funziona il riscatto della laurea

Introdotto nel 1997, lo strumento permette di riscattare il periodo di studi che va dall’1 novembre dell’anno di immatricolazione all’Università al 31 ottobre dell’ultimo anno previsto per il proprio corso di laurea.

Se il percorso di studi è stato effettuato dopo del 1996, nel cosiddetto contributivo, il costo per ogni anno considerato con il riscatto “light” è fisso, mentre con quello ordinario l’importo si calcola moltiplicando il reddito medio percepito nei dodici mesi precedenti alla domanda di riscatto per l’aliquota di contribuzione dell’indennità vecchiaia e superstiti (Ivs), che anche nel 2024 equivale al 33%.

Il riscatto della laurea “light” è una delle opzioni messe a disposizione dall’Inps per calcolare gli anni di studi all’Università come se fossero anni di lavoro, ad esclusione di quelli fuori corso: in questo caso il contribuente paga un prezzo fisso, mentre se sceglie l’alternativa del riscatto ordinario verserà una cifra in rapporto al proprio reddito nei dodici mesi precedenti alla domanda.

Se il riscatto è antecedente al 1996, o anche fino a fine 2011 per chi ha almeno 18 anni di contributi maturati prima del 1996 il calcolo è più complesso: il prezzo da pagare è ricavato tramite il metodo della riserva matematica, cioè sulla base del beneficio pensionistico che deriva dal riscatto stesso.

Secondo quanto spiegato da Il Messaggero, in settimana dovrebbe arrivare una circolare Inps che annuncerà l’aumento, ma già da ora chi fa richiesta sul sito di previdenza può constatare la crescita dell’importo annuo, dai 5.776 richiesti nel 2023 agli oltre 6mila del 2024.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×