Certificazione unica 2023: come scaricarla dal sito

Non tutti sono a conoscenza del fatto che è possibile scaricare la Certificazione Unica 2023, in pochi passaggi, direttamente dai siti dell’Agenzia delle Entrate e dell’Inps. Le procedure sono sempre più semplici rispetto agli anni passati, e permettono di risparmiare molto tempo agendo in autonomia e senza dover fare lunghe attese negli uffici pubblici.

Che cos’è la Certificazione Unica e a cosa serve

La CU (ex CUD) è un documento fiscale tramite cui viene dimostrata l’acquisizione di un reddito da parte di dipendenti e assimilati. Interessa non soltanto il lavoro dipendente ma anche provvigioni, il lavoro autonomo e altre tipologie di redditi, compresa la pensione.

L’invio del modello della Certificazione Unica è a carico del datore di lavoro, del committente in caso di collaborazioni con i professionisti a partita Iva o di un altro sostituto d’imposta.

Due gli scopi del modello.

Certifica che si sono versati gli emolumenti dovuti a dipendenti, ai lavoratori autonomi e assimilati.
Certifica che le cifre indicate corrispondano a quello che è stato dichiarato dai lavoratori stessi o dai pensionati.

Attesta dunque il regolare pagamento delle ritenute fiscali e previdenziali. La CU 2023 è disponibile online dal 16 marzo, come anticipato qua.

Come scaricare la CU 2023 dal sito dell’Agenzia delle Entrate

Di seguito i passaggi per scaricare la Certificazione Unica 2023 direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Cliccare su Area riservata, in alto a destra sulla homepage.
Cliccare su Accedi alla nuova area riservata, effettuando il log-in attraverso lo SPID, la carta d’identità elettronica o la Carta Nazionale dei Servizi.
Cliccare su Cassetto fiscale sotto la voce Servizi più richiesti o dopo aver aperto il menù Servizi.
Cliccare su Cassetto fiscale personale.
Cliccare su Dichiarazioni fiscali e successivamente su Certificazione Unica. In questo modo si apre la pagina contenente le CU inviate dai vari sostituti d’imposta (in caso di più datori di lavoro o enti pensionistici).
Cliccare su una CU per vere in dettaglio ogni singolo quadro o stampare il documento. Cliccare sulla lente di ingrandimento posta sul lato del destro di ogni sostituto d’imposta per visualizzare i dati del soggetto che ha emesso il documento.

Come scaricare la Certificazione Unica 2023 dal sito dell’INPS

La Certificazione Unica può essere richiesta anche da tutti i cittadini che hanno percepito dall’INPS redditi di lavoro dipendente e assimilati, redditi di pensione, redditi di lavoro autonomo, redditi di provvigioni e redditi di altra natura. Di seguito i passaggi per scaricarla dal sito dell’Istituto.

Cliccare su MyINPS ed effettuare l’accesso con le proprie credenziali.
Cliccare su I tuoi servizi e strumenti.
Cliccare su Servizi fiscali e pagamenti ricevuti dall’INPS.
Cliccare su Comunicazioni Fiscali.
Cliccare sulla CU 2023.

Esistono anche dei metodi alternativi per ottenere la Certificazione Unica dell’INPS.

Applicazione INPS Mobile da smartphone o da tablet, disponibile sia per i dispositivi Android che iOS.
Posta elettronica certificata PEC con la richiesta che deve essere trasmessa all’indirizzo richiestacertificazioneunica@postacert.inps.gov.it insieme alla scansione di un documento di identità.
Numero gratuito da rete fissa 803164 o 06164164 da rete mobile, con la spedizione del documento a casa del richiedente.
Numero verde 800434320 con risponditore automatico, anche in questo con spedizione del documento al proprio domicilio.
Numero +3906164164 per i pensionati residenti all’estero, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 14.
Posta elettronica ordinaria, all’indirizzo richiestacertificazioneunica@inps.it, per richiedere l’invio a casa.
Sportello Mobile riservato ai cittadini di oltre 75 anni titolari di indennità di accompagnamento, speciale o di comunicazione, con l’invio di un’apposita comunicazione con i recapiti telefonici di un operatore della sede territorialmente competente e l’invio della CU 2023 a casa.

La Certificazione Unica può essere richieste anche da una persona delegata o dagli eredi di un titolare deceduto, previa presentazione degli appositi documenti. Qua tutte le istruzioni dell’INPS per i pensionati. Se avete dubbi sulla Certificazione Unica, qua il nostro approfondimento sul documento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×