Bonus nido 2024, domande al via: come ottenere fino a 3.600 euro per il proprio figlio

Il Governo ha aperto le domande per il bonus nido 2024, che permette ad alcune famiglie di beneficiare di uno sconto fino a 3.600 euro per la retta dell’asilo nido del proprio figlio nato quest’anno. Un nuovo messaggio Inps spiega tutte le eccezioni e i requisiti per ottenere questo bonus potenziato dalla manovra 2024.

Ulteriori benefici previsti anche per chi ha figlio con meno di re anni affetti da gravi patologie croniche. Le misure sono state pensate anche per contrastare la crisi della natalità e facilitare l’accesso alle strutture come gli asili nido. I posti disponibili rimangono però una frazione dei pochi bambini nati ogni anno.

Il bonus nido 2024: come ottenerlo

In un messaggio diffuso nella mattinata dell’11 marzo l’Inps ha definito con precisione i criteri per accedere al bonus nido 2024. La misura, nata nel 2017 per sostenere le famiglie che non possono permettersi la retta di un asilo nido, è stata potenziata nella manovra per il 2024 varata dal governo. I requisiti sono:

Avere un figlio nato dal 2016 in poi
Che il figlio sia dell’età adeguata a un asilo nido, quindi abbia tre anni o meno

L’importo del bonus nido varia a seconda del reddito della famiglia, misurato tramite il così detto Isee minorenni. Il contributo servirà esclusivamente a coprire la retta annuale dell’asilo nido del bambino. In questo modo i nuclei più bisognosi otterranno un supporto maggiore da parte dello Stato:

Un Isee minorenni fino a 25mila euro permette di ottenere 3mila euro all’anno
Un Isee minorenni da 25.001 euro fino a 40mila euro permette di ottenere 2.500 euro all’anno 
Un Isee minorenni da 40.001 euro o mancante permette di ottenere 1.500 euro all’anno

La manovra del 2024 ha inoltre incluso alcuni casi eccezionali che permettono di aumentare ulteriormente la soglia del bonus ricevuto dalle famiglie. Se infatti il bambino è nato nel corso di quest’anno e ha un fratello o una sorella di età inferiore ai 10 anni, e l’Isee minorenni si mantiene sotto i 40mila euro, allora il massimo del bonus sale a 3.600 euro all’anno. Se invece l’Isee è superiore, la cifra massima rimane 1.500 euro.

Per presentare la domanda è necessario accede al portale Inps online con le proprie credenziali di identità digitale Spid 2, Cie 3.0 o CNS. In alternativa è possibile rivolgersi a un patronato. Il limite massimo per presentare la domanda è il 31 dicembre 2024.

Il supporto ai bambini con patologie croniche e la crisi della natalità

Un bonus simile è disponibile, con identici requisiti e entità, anche per alcuni bambini affetti da gravi patologie croniche che per questa ragione non vengono affidati alle cure di un nido, ma devono al contrario essere assistiti presso il domicilio dei genitori.

Se il bambino in questione ha compiuto i 3 anni di età nel corso del 2024, è possibile ricevere soltanto le mensilità che vanno da agosto a gennaio del bonus asilo nido per i minori con gravi patologie croniche.

Queste misure sono state pensate per alleviare la crisi della natalità e la mancanza di posti negli asili nido, che hanno fatto alzare i prezzi delle rette. Nel nostro Paese sono disponibili posti nei nidi soltanto per il 27,2% dei bambini. Lo standard europeo raccomandato dopo la pandemia è del 45%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×