Bonus alluvione Emilia-Romagna, Toscana e Marche per fare impresa: dove presentare la domanda

Il governo ha disposto un bonus per il rilancio dell’economia delle zone alluvionate di Emilia-Romagna, Toscana e Marche. L’area, una delle più produttive d’Italia, a partire dal maggio 2023 è stata a più riprese flagellata da alluvioni che hanno devastato le colture e fermato le aziende. L’intesa è stata siglata da Mimit, Regioni interessate e Invitalia.

Agevolazioni zone alluvionate: in cosa consistono

L’obiettivo è quello di rafforzare il tessuto produttivo locale e attrarre nuovi investimenti. L’accordo di programma sarà valido fino al 30 novembre 2026. L’ammontare delle risorse messe a disposizione è di 50 milioni di euro.

Le domande di accesso alle agevolazioni vanno presentate sul sito di Invitalia (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.a.) dalle 12:00 del 26 marzo alle 12:00 del 28 maggio 2024. Le domande verranno ordinate secondo una graduatoria e poi avviate alla fase di valutazione. Saranno accolte tutte le domande ricevibili, fino a esaurimento delle risorse. La graduatoria prevede un punteggio massimo pari a 100. L’assunzione di ogni nuovo addetto aggiunge punteggio al progetto presentato. Il parametro di riferimento considerato è il numero degli addetti nei 12 mesi precedenti.

Gli obblighi di chi presenta la domanda

Le agevolazioni sono concesse sotto forma di contributo in conto impianti, di contributo diretto alla spesa e di finanziamento agevolato (che non può essere inferiore al 20% degli investimenti ammissibili). Il contributo in conto impianti e il contributo diretto alla spesa sono determinati in relazione all’ammontare del finanziamento agevolato.

Chi presenta la domanda si impegna:

a concludere entro 12 mesi il programma occupazionale proposto. Nel caso di decremento dell’obiettivo occupazionale nei limiti del 50% di quanto previsto, le agevolazioni sono proporzionalmente revocate. Per decrementi superiori al 50% la revoca è totale;
a procedere, nel caso in cui sia previsto un incremento occupazionale, ad assumere in via prioritaria i lavoratori residenti nel territorio dell’area di crisi che risultino percettori di Cig (Cassa integrazione guadagni) o che siano iscritti alle liste di mobilità, che risultino disoccupati in seguito a licenziamento collettivo e, successivamente, dei lavoratori delle aziende del territorio di riferimento coinvolte dai tavoli di crisi attivi presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy.

Chi può presentare la domanda

È possibile presentare domanda per uno o più progetti imprenditoriali. La circolare numero 367 del 13 febbraio 2024 emanata dal Mimit specifica chi sono i soggetti interessati. Le domande di agevolazione possono essere presentate da:

imprese già costituite in forma di società di capitali;
società cooperative di cui all’art. 2511 e seguenti del codice civile;
le società consortili di cui all’art. 2615-ter del codice civile;
reti di imprese costituite da un minimo di 3 ed un massimo di 6 imprese, mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete.

La circolare del Mimit all’allegato 1 specifica quali sono i Comuni nel cui territorio, in seguito all’alluvione, è possibile richiedere il sostegno.

Due le modalità per ottenere maggiori informazioni:

telefonare al numero verde 800775397 (dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00);
chiedere informazioni direttamente sul sito di Invitalia accedendo alla propria area personale.

Si ricorda però che oltre a Emilia-Romagna, Toscana e Marche nel 2023 anche Sardegna, Puglia e altri territori furono colpite da alluvioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×